Sotoculturismo: che cos’è?

BUENOS AIRES HA QUELLO CHE NON HO, NON LO SO

 Dopo essere stato espulso dai paesaggi magici ma asciutti di Casablanca, il nostro cronista si immerge di nuovo nei mieli di Buenos Aires tra eventi e sonagli che promettono bontà abbondante nella più locale delle invenzioni: il collettivo.

Questa volta non è stato in nessuna delle saune di Buenos Aires che mi rilasserò tra vapori e bevande gratuite, né la sauna in palestra dove a volte vado solo a guardare le bellezze nella doccia collettiva. Questa è Sauna, una rivista d’arte gestita da sei cioccolatini atletici e mentali. La festa, in Questa non è una galleria, è stata per il numero 12 della rivista, questo numero più gay che mai, con molte note interessanti, tra cui un racconto di Dani Umpi, un’intervista a Bruce La Bruce, un’intervista dal mio vicino (che sembra aver lasciato le pelli e gli abiti come padre Farinello) ai registi, interpretato in una strofinata da Gustavo di Mario in una produzione fotografica da togliere il cuore. I padroni di casa mi hanno accolto cordialmente in sanguchito o, piuttosto, in un hamburger di sei piani, come quelli che di solito mi divorano quando sono malinconico in un Burguer di Corrientes. Un chuik a ciascuno e mi sono tuffato nella folla, prima per il vino e poi per salutare.

C’erano così tante persone che era impossibile raggiungere il magazzino dove stavano proiettando LA Zombie, di Bruce LaBruce, senza essere manoseadx. Mi sono emozionato, così tanto che non mi importava delle scene gore e ho continuato a bruciare in rapida combustione: lo zombi, interpretato dall’attore porno François Sagat, aveva un arto uncinato con il quale penetrò con ferite da proiettile e / o coltello a bei ragazzi che morivano che, grazie alla loro lunghissima eiaculazione sanguinosa, rianimarono.

LEGGERE  Ipertrofia muscolare Che cos'è e quali sono i rischi

Mentre lasciavo il fienile, eccitato com’ero, caddi su un gringo molto sexy la cui sedia a rotelle bloccava l’uscita. Come risultato dei miei glutei vibranti, senza avere il tempo di presentarmi, sono scattato fuori dove era il mio amico Josefa. “Chi è quel ragazzo?” Gli ho chiesto. “È un amico dei ragazzi di Sauna, l’amico di Bruce LaBruce che li ha resi il contatto per l’intervista e, inoltre,” ha esagerato, “proprietario dei siti di incontri Manhunt e Gaydar.” Più che una sedia a rotelle, il suo posto sembrava il trono di un re, al quale una fila di giovani in cerca di un’opportunità di lavoro si inchinava e presentava un biglietto personale. “Quanto vecchio! Non che fossimo in Giappone! ”, Ho detto a un altro amico a cui sono stato attirato dal naso dal filo di fumo di marijuana. Il posto era pieno di artisti plastici, fotografi, attrici, sceneggiatori e registi, per lo più della comunità Gltttbi. La pasta stava diventando più compatta e ho lasciato il posto espulso. Mi ero perso nel cuore di Palermo Hollywood, dove non mi sono mai trovato. Per miracolo vidi passare un autobus 39 che al mio segnale disperato si fermò; l’autista dell’autobus era un bellissimo tatuaggio a pelle nuda, molto simile allo zombi nel film. “Vai al centro?” Gli ho chiesto. “Sto andando a Chacarita,” ha risposto, “ma mi sono alzato per prenderti.” Mi sedetti al primo posto e, mentre ci scambiavamo occhiate allo specchietto retrovisore, il mio sedere sulle strade di ciottoli rimbalzò di gioia. Per miracolo vidi passare un autobus 39 che al mio segnale disperato si fermò; l’autista dell’autobus era un bellissimo tatuaggio a pelle nuda, molto simile allo zombi nel film. “Vai al centro?” Gli ho chiesto. “Sto andando a Chacarita,” rispose, “ma mi sono alzato per prenderti.” Mi sedetti al primo posto e, mentre ci scambiavamo occhiate allo specchietto retrovisore, il mio sedere sulle strade di ciottoli rimbalzò di gioia. Per miracolo vidi passare un autobus 39 che al mio segnale disperato si fermò; l’autista dell’autobus era un bellissimo tatuaggio a pelle nuda, molto simile allo zombi nel film. “Vai al centro?” Gli ho chiesto. “Sto andando a Chacarita,” rispose, “ma mi sono alzato per prenderti.” Mi sedetti al primo posto e, mentre ci scambiavamo occhiate allo specchietto retrovisore, il mio sedere sulle strade di ciottoli rimbalzò di gioia.

LEGGERE  Come ottenere i massimi risultati - Esalta il tuo lato più selvaggio

http://2.bp.blogspot.com/-KdASaiquSnE/TlHbEE3iTmI/AAAAAAAAAqY/xwLQa-T0tmg/s400/002.jpg

Produzione fotografica di Gustavo Di Mario